Cronaca di Redazione , 14/10/2021 11:08

Lorenzoni attacca: Troppo pochi 150 tecnici dello Spisal in tutto il Veneto

Arturo Lorenzoni

“In Veneto sono solamente 150 i tecnici dello Spisal, in tutte le nove Ulss, il cui compito è portare avanti azioni finalizzate alla prevenzione degli infortuni sul lavoro. Troppo pochi, ne sia assunto un numero congruo per assicurare il massimo della sicurezza”. 
Il Portavoce dell’Opposizione in Consiglio regionale, Arturo Lorenzoni, annuncia un’interrogazione sull’argomento al fine di sottoporre la questione alla Regione, competente in materia. Fra gli insegnamenti che ci ha lasciato la pandemia, precisa, “l’importanza di un costante investimento sulla salute pubblica, attraverso degli interventi mirati. A tale proposito dev’essere implementato il personale deputato al monitoraggio delle imprese private e degli enti pubblici, anche questo da effettuare in maniera continuativa. Non bastano dei controlli a spot”, aggiunge. 
Al contrario, “serve una pianificazione sistematica delle uscite dei tecnici, oltre ad un incremento delle proposte di corsi di formazione a beneficio dei lavoratori”. Si muore troppo di lavoro, e non c’entra il fatto che le statistiche “risentano” del lockdown severo della primavera del 2020. “Fisiologico che in quel momento storico vi sia stata una diminuzione dei casi, anche a motivo di un ricorso diffuso al lavoro agile – puntualizza Lorenzoni – Tuttavia, un +21% di morti sul lavoro in dodici mesi, come indicato dall’'Osservatorio Sicurezza sul Lavoro Vega Engineering di Mestre, non è socialmente accettabile”. 

Lorenzoni chiede all’amministrazione regionale di fare la propria parte per invertire fin da subito la tendenza: “Vengano messe a bilancio risorse adeguate, soprattutto in una logica di prevenzione”.