Cronaca di Redazione , 13/04/2021 23:46

Rapina violenta nella casa di una prostituta a Santa Lucia: 21enne romano in manette

Rapina a Santa Lucia

È indagato per il reato di rapina aggravata il ventunenne romano intercettato sabato sera, intorno alle 21, dagli agenti delle Volanti, a seguito di segnalazione di rapina in un appartamento ai danni di una donna cinese. Il provvedimento del fermo è scattato alla luce dei gravi indizi di colpevolezza raccolti, imputabili al giovane che è stato riconosciuto dalla vittima e da un testimone come l’autore del reato.

Stando alle risultanze investigative, l’uomo si sarebbe introdotto nell’abitazione della donna nella quale, da quanto emerso, si svolgeva attività di prostituzione – dato sul quale la Polizia di Stato ha avviato ulteriori indagini.

All’interno, il ventunenne – per sua stessa ammissione interessato a consumare un rapporto sessuale – si sarebbe scagliato contro la donna, l’avrebbe afferrata per i capelli e spinta con forza a terra. Approfittando, poi, della fuga della ragazza – cui sono state diagnosticate contusioni guaribili in 7 giorni – il giovane avrebbe rovistato all’interno dell’appartamento e si sarebbe impossessato di alcuni suoi beni personali, oltre che di 270 euro.

Parte del materiale indebitamente sottratto – un cellulare, uno strumento per la misurazione dell’insulina, e alcune monete – è stato rinvenuto dagli agenti vicino alla zona del commesso delitto, sotto un’auto parcheggiata nei pressi della quale il ladro stava cercando di nascondersi. Il 21enne è stato, infatti, intercettato dai due equipaggi delle Volanti inviati sul posto che, avvalendosi delle dettagliate descrizioni raccolte, hanno individuato il responsabile poco lontano da via Dora Baltea, luogo dove si era da poco consumata la rapina.

Il ventunenne, pluripregiudicato per reati specifici – l’ultimo dei quali commesso nell’ottobre dello scorso anno – è finito nel carcere di Montorio dopo essere stato ascoltato dal giudice.