Attualità di Redazione , 23/09/2022 10:00

Giornata regionale della mobilità elettrica, De Berti: Lago di Garda ottimo esempio

Elisa De Berti
Elisa De Berti

Si è tenuta a Peschiera del Garda la Giornata Regionale della Mobilità Elettrica organizzata nell’ambito del Progetto europeo PREPAIR - Po Region Engaged to Policies of Air, di cui la Regione Veneto è partner. Il progetto, che coinvolge l’interno bacino del Po e vede coinvolti 17 enti, ha l’obiettivo di implementare le misure previste dai piani regionali relativamente alle azioni volte a ridurre i livelli di inquinamento atmosferico. L’appuntamento è stato l’occasione per presentare lo stato dell’arte nel settore del trasporto sostenibile del bacino del Lago di Garda, con particolare riguardo alla mobilità lacustre.

“Al tema della mobilità elettrica è stato dato un respiro ancora più ampio, quello della mobilità sostenibile, declinandolo in un contesto unico e particolare – nell’ambito del bacino del Po – come quello del Lago di Garda. Si tratta infatti di un territorio suddiviso nelle proprie competenze tra 3 Regioni/Province, strategico per la necessità di lavorare in sinergia, ma soprattutto un esempio rappresentativo della capacità del Veneto di trasformare la mobilità sostenibile in strumento per valorizzare le risorse ambientali dell’ecosistema lacustre, facendone opportunità di sviluppo economico, turistico e culturale”, queste le parole di Elisa De Berti, Vicepresidente e Assessore alle Infrastrutture e Trasporti della Regione in relazione alla Giornata Regionale della Mobilità Elettrica.

Il Veneto è attraversato da 3 dei 4 Corridoi della rete TEN-T che attraversano l’Italia e vede nell’intermodalità dei trasporti, puntando sempre più su sistemi alternativi e sostenibili di mobilità, non solo un obiettivo ma anche una visione prospettica concreta. In un quadro generale che assegna alla Regione il ruolo di coordinamento, strumento operativo è il Piano Regionale dei Trasporti, ideato come piano-processo dinamico, in grado di adattarsi e correggere strategie ed azioni in funzione del contesto contingente, a livello internazionale, nazionale, regionale e locale.

“Il Lago di Garda costituisce un valido esempio di interdisciplinarietà e questa giornata lo dimostra: la specificità ambientale e geografica, l’attrattività turistica e una mobilità che veda nella sostenibilità un modello culturale rispettoso prima ancora che un sistema di trasporto, rappresentano un case study da applicare a molti altri contesti, estendendo il modello veneto”, ha concluso la Vicepresidente.