Attualità di Giovanni Vitacchio , 22/07/2021 14:12

"Il primo viaggio", un piccolo vademecum per aiutare i genitori di neonati prematuri VIDEO

"Il primo viaggio", un progetto per aiutare i genitori di neonati prematuri

Ogni anno, tra Verona e provincia, il 10% dei neonati è prematuro, con casi anche particolarmente gravi che richiedono ricoveri di mesi in terapia intensiva neonatale all’ospedale della Donna e del Bambino di Borgo Trento. Superata la fase critica, i piccoli sono destinati a essere trasferiti nei reparti di patologia neonatale del territorio, a Legnago, San Bonifacio e Villafranca. Una fase intermedia che porterà infine i bambini a casa, con la propria famiglia. 

Per aiutare i genitori ad affrontare proprio il passaggio del trasferimento, l’associazione di promozione sociale “Prematuramente”, con il supporto dell’Ulss 9, ha ideato questo piccolo vademecum all’interno del quale trovare tutte le informazioni utili e i contatti degli ospedali nei quali verranno ricoverati i neonati per avvicinarsi a casa. “Il primo viaggio” è il nome del progetto creato dall’associazione, creata da genitori che hanno vissuto direttamente l’esperienza di un figlio prematuro.

Nel libricino, realizzato in collaborazione con il Dipartimento Materno Infantile dell’Ulss 9, oltre agli indirizzi degli ospedali, ci sono i numeri di telefono e le mail del personale medico, oltre a vari informazioni utili sugli orari di visita, i servizi per il bambino e quelli post dimissione offerti dalla struttura